10 giugno 2017Torna alla Lettera al Commissario Errani

Aggiornamento 10 giugno 2017

Illustre Avv. Andrea Nobili

Egr. Dott.ssa Giacchè

Gentilissima Sig.ra Bonci

Ufficio Ombudsman Regione Marche

Illustri e spettabili destinatari della presente,

Vengo qui a comunicare che finalmente ieri mattina, 9 giugno 2017, il Comune di Monsampietro Morico ha erogato alle famiglie di sfollati i contributi CAS di marzo e aprile ricevuti dalla Regione Marche almeno dal 29 maggio (data della pubblicazione sul sito Terremoto Marche), in seguito al pregresso ritardo con cui sono stati comunicati e/o immessi in sistema i dati integrativi forniti dai cittadini già da metà aprile sui moduli predisposti dal Comune.

Famiglie monoreddito con figli, anziani con modeste pensioni, tutti comunque cittadini che stanno affrontando i gravosi disagi e costi derivati dallo  sgombero, hanno subito purtroppo questo ulteriore ritardo. [...]

Questi  inconvenienti e ritardi pesano soprattutto sui più deboli.  Come scritto nella precedente email qui  in calce, si è purtroppo ripetuta la situazione di ulteriore ritardo nel pagamento effettivo dei conguagli di agosto-novembre che, ricevuti dalla Regione a metà dicembre 2016, furono erogati solo il 24 gennaio 2017.

La novità però è che l'erogatore, presumo la suddetta banca, ha applicato, sottraendolo dall'importo dei CAS, una trattenuta di 2,50 Euro per il costo dell'operazione, cosa che tra l'altro finora non era mai avvenuta. Questa trattenuta, inoltre, è stata effettuata anche sui bonifici on line diretti su IBAN.

Chiedo quindi cortesemente alla S.V.:

Se questa procedura, di metter mano cioè ad un contributo di emergenza, sia pure in modo limitato, sia ammissibile, e ciò in base a quale decreto o ordinanza, e come mai sinora non sia stato mai fatto. 

Chiedo inoltre alla S.V. di vegliare perchè in futuro, alla minima richiesta di dati integrativi (ad Aprile si trattava solo di fornire anche gli estremi dei locatori o degli ospiti e la tipologia di sistemazione), non si crei l'occasione di nuovi ritardi e che cortesemente verifichi se nelle procedure di erogazione risieda una delle possibili motivazioni del ritardo.

Chiedo altresì che, in una eventuale prossima circostanza, come quella dell'integrazione dati di aprile, la Regione provveda a fornire un modello fisso di formulario da compilare, da pubblicare anche on line, visto che di fatto ogni Comune ne ha predisposto uno proprio, con sensibili differenze nelle richieste, e creando con ciò uno spreco di attività burocratica a livello locale con i rischi che si sono visti.

Mi è gradita l'occasione per porgere alle SS.VV. i miei più 

Distinti saluti

Prof. Giuseppe Ficara

http://www.giuseppeficara.com